Guide e Tutorials INFORMATICA

La deframmentazione del disco in Windows non esiste più?

Se sei o sei stato utente di Windows  da almeno dieci anni, ricorderai sicuramente il programma di deframmentazione di Windows, noto anche come deframmentazione del disco. Uno strumento che avrebbe dovuto risolvere problemi di progettazione del file system di Windows

Molti di noi hanno trascorso il tempo osservando come erano stati ordinati i frammenti di file . Un compito noioso, a priori, ma diventato un piacere grazie all’interfaccia di deframmentazione di Windows e ai suoi colori. Ancora oggi possiamo trovare video su YouTube per vedere come funzionava il processo di deframmentazione del disco

La deframmentazione è nata per risolvere un problema, appunto della frammentazione dei file sui dischi rigidi che Windows utilizzava. Ma con l’avvento delle unità a stato solido e delle chiavette USB e delle schede SD, la frammentazione non è più stato un problema. Tuttavia, Windows 10 mantiene ancora questo strumento, per i dischi rigidi, sebbene non sia più importante come una volta e la sua automazione lo abbia relegato nell’oblio.

Deframmentazione Hard Disk avanzata

Frammentazione dei file sui dischi rigidi

Attualmente, i dispositivi mobili e i computer utilizzano memorie a stato solido Le unità SSD sono ancora più costose dei dischi rigidi classici, ma offrono già un prezzo accettabile per essere presenti nella maggior parte dei computer che puoi acquistare. Inoltre, un disco SSD per il sistema operativo e un HDD secondario vengono solitamente combinati per memorizzare determinati file e documenti.

Tra i molti vantaggi che gli SSD hanno sugli HDD c’è la non frammentazione dei file che memorizza. La frammentazione dei file è fondamentalmente che un file non viene salvato nella sua interezza su disco. Lo fa in blocchi che non sono sempre contigui. Ciò implica che per modificare o leggere quel file, il sistema operativo deve unirsi ad esso. Un problema che sembra minore sui computer moderni, ma una volta supponeva che il computer sarebbe stato più lento per determinate attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.