Consigli e trucchi Guide e Tutorials

Creare punti di ripristino in Linux con TimeShift

TimeShift è uno strumento gratuito per sistemi operativi Linux progettato per permetterci di eseguire facilmente tutti i tipi di backup. Grazie ad esso, saremo in grado di proteggere il nostro intero sistema attraverso backup incrementali in modo che, se abbiamo un problema, possiamo tornare allo stato precedente molto facilmente, in pochi secondi.

Questo programma è più ispirato ai punti di ripristino di Windows che a macOS Time Machine. Questo è perché basta fare una copia dei file di sistema, non personale. Le nostre foto, documenti e altri file che non fanno parte di Linux non verranno copiati. Viene eseguito il backup del sistema solo per aiutarci a risolvere i problemi senza dover reinstallare l’intero sistema operativo. A meno che, ovviamente, non cambiamo questo. Ma dobbiamo assicurarci di avere sempre abbastanza spazio per riporre tutto.

Quando eseguire il backup in Linux

Idealmente, configura e fare backup regolari del nostro sistema. Non sappiamo mai quando qualcosa fallirà e la nostra distribuzione sarà resa inutile. Se abbiamo una copia più o meno recente possiamo ripristinarla con il minor impatto possibile sul sistema. Nel caso in cui anche la copia fosse vecchia, ma potremmo aver perso aggiornamenti e pacchetti e avere problemi, ad esempio, con un programma.

Se non vogliamo fare copie di backup automatiche del PC, almeno dobbiamo farle prima di effettuare determinate configurazioni o determinate modifiche nel sistema. Per esempio, prima di installare un programma che ha troppe dipendenze e che può dare problemi di compatibilità con gli altri, prima di installare gli aggiornamenti di Ubuntu e, soprattutto, prima di installare una nuova versione della distribuzione.

Come creare un punto di ripristino in Ubuntu con TimeShif

Tipi di backup

Prima di iniziare con il programma, spiegheremo i due tipi di backup che TimeShift ci offre:

  • RSYNC– Questo è il tipo di backup standard del programma. Come suggerisce il nome, utilizza lo strumento rsync per eseguire backup incrementali. La prima copia richiede molto tempo, ma le altre sono molto più veloci. Possiamo salvare queste copie su un disco rigido esterno o su qualsiasi altra unità, purché abbia un file system compatibile con Linux.
  • BTRFS: disponibile solo se abbiamo Linux installato su una partizione BTFS. Sfrutta le funzioni del file system stesso (simile al controllo delle versioni NTFS) per salvare una copia bit per bit dei file. Il primo backup non occupa nulla ed è istantaneo. Ma la dimensione aumenta man mano che i file di sistema vengono modificati. Poiché sono copie bit per bit, è possibile ripristinare qualsiasi file in uno degli stati in cui si trovava.

Quale opzione devo scegliere? Molto probabilmente il primo, RSYNC. Ovviamente, sebbene questa opzione ci dia più libertà di fare copie di backup, dobbiamo tenerlo presente non funziona su unità con file system Windows (come FAT o NTFS), né unità di rete.

Installa TimeShift per eseguire il backup di Linux

Alcune distribuzioni, come Linux Mint, portano questo strumento installato come standard in modo che non dobbiamo installare nient’altro. In caso contrario, dovremo installarlo da soli. Essendo un programma comune, di solito è incluso nei principali repository di Linux, quindi per installarlo dovremo semplicemente eseguire il seguente comando:

sudo apt install timeshift

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 1

Al termine del processo, avremo questo software installato e pronto per iniziare a fare i backup del nostro sistema.

Configura un punto di ripristino in Linux

Quando apriremo il programma, la prima cosa che vedremo sarà una procedura guidata che ci guiderà attraverso il processo di creazione del backup. Il primo passo che dovremo compiere è scegliere se vogliamo che il backup venga eseguito tramite RSYNC o tramite BTRFS. Come abbiamo detto, a meno che non usiamo il secondo file system, il più comune è che dobbiamo farlo scegli RSYNC.

Continuiamo con la procedura guidata e Ubuntu calcolerà lo spazio che occuperà il nostro backup e lo spazio libero sui dischi rigidi. Con il sistema pulito di cui avremo bisogno, almeno 8,5 GB di spazio libero sul disco, altrimenti non saremo in grado di continuare (poiché darebbe un errore).

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 4

Dopo aver scelto l’unità di destinazione del backup, la prossima cosa da fare è pianificare i backup automatici. Se usiamo BTRFS possiamo configurare i livelli di copia desiderati. Poiché la nostra copia è RSYNC, dovremo configurare manualmente gli snapshot pianificati.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 5

Il passaggio successivo della procedura guidata è importante. Ciò che ci permetterà è scegli directory aggiuntive che vogliamo includere nella copia. Per impostazione predefinita, TimeShift è impostato per ignorare le cartelle radice e home. Ma, se vogliamo fare anche una copia di backup di queste cartelle, possiamo farlo contrassegnando che lo vogliamo.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 6

E con questo, abbiamo finito di configurare il nostro backup. Possiamo vedere una serie di suggerimenti per creare e ripristinare i nostri backup. Clicca su “Finalizza“e pronto. Ovviamente prima di chiudere il programma non possiamo dimenticare di creare il nostro primo backup. Possiamo farlo cliccando sul pulsante «Creare»E in attesa che il processo finisca.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 7

Visualizza e ripristina i backup di Ubuntu con TimeShift

Se qualcosa inizia ad andare storto, per qualsiasi motivo, è tempo di ripristinare il sistema a uno stato precedente. Per fare questo, quello che dobbiamo fare è aprire TimeShift e, invece della procedura guidata, possiamo vedere un elenco con tutti i punti di ripristino di Linux che sono stati creati.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 9

Nell’interfaccia del programma possiamo anche vedere il file modalità di backup che stiamo utilizzando e lo spazio disponibile sul disco rigido per creare le copie.

Per ripristinare il sistema a uno stato precedente, quello che dobbiamo fare è selezionare detto stato e fare clic su di esso. pulsante «Ripristina». Possiamo vedere una procedura guidata che ci chiederà dove vogliamo ripristinare la copia di ciascuno dei punti di montaggio. Possiamo scegliere dove ripristinare il root, i boot loader e la home del nostro Linux.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 10

Per impostazione predefinita, verranno selezionate le unità originali. Se vogliamo, possiamo modificare uno qualsiasi di questi punti (se sappiamo cosa facciamo veramente) e, in caso contrario, lo lasceremo per impostazione predefinita. Successivamente, il programma analizzerà la copia di backup e la confronterà con lo stato corrente del nostro PC.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 11

Possiamo vedere tutti i file che verranno ripristinati dalla copia e quali verranno eliminati dal nostro PC (perché, ad esempio, non esistevano al momento del backup).

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 12

Se tutto è corretto, vedremo un’ultima finestra di riepilogo.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 13

Lo controlliamo e, se siamo d’accordo con le modifiche da apportare, iniziamo il processo di ripristino.

Punto di ripristino TimeShift di Linux - 14

A seconda del numero di file che sono stati modificati e devono essere ripristinati, questa copia richiederà più o meno tempo. Finché questa finestra è presente, non saremo in grado di fare nulla. Quando il processo di ripristino è terminato, il PC si riavvierà automaticamente. E si avvierà nello stesso stato identico a quando abbiamo eseguito il backup.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.