Consigli e trucchi HI-TECH INTERNET NEWS

Cos’è e come funziona il SignalSaver

Anche se ci siamo spostando a connessioni televisive sempre più avanzate e potenti, ciò non significa che bisogna ignorare il resto dell’impero TV. Esistono infatti ancora numerosi utenti che fanno uso della connessione Satellitare, che è addirittura giunta al 4K da qualche tempo, permettendo così di godere della risoluzione ad alta definizione senza sbalzi o eventuali problemi dovuti al servizio principale. Il tutto viene affidato da un satellite d’ultima generazione ed una serie di apparati che nonostante il costo, possono davvero regalare non poca qualità di visione.

Ma nemmeno questo tipo di ricezione televisiva è invulnerabile. Ci sono infatti degli eventi nel quale anche la connessione satellitare può avere problemi, tanto da avere una totale interruzione del segnale video. Per questo però sono state inventate diverse soluzioni per poter eliminare queste occasionali problematiche: qualche volta è stato sperimentato un sistema di buffering, che salvava 30 secondi di trasmissione in anticipo, ma non è stato sempre un sistema valido. In certi casi, quando si trattava di guardare una trasmissione già registrata, c’erano anche altri mezzi per eliminare questi problemi di comunicazione: tuttavia, troppo singolari e mai ideali.

L’ideale è, proporre qualcosa che sia economico e allo stesso tempo garantisca una visione in tempo reale (live) di tutto quello che si sta guardando. In questo caso, è nato il servizio SignalSaver, qualcosa che all’estero è ancora in lunga e complicata sperimentazione – ma un giorno potrà arrivare anche nel nostro stato se le condizioni saranno sufficientemente soddisfacenti.

Vediamo perciò di spiegare cosa fa questa funzione. Il SignalSaver serve per garantire una visione ininterrotta del segnale satellitare, ma il modo in cui lo fa è tramite qualcosa che possediamo praticamente tutti in casa nostra: ed è quello di sfruttare naturalmente la nostra connessione digitale, attraverso il Wi-Fi o usando il cavo LAN se la TV lo permette. Insomma, SignalSaver serve per continuare a vedere un qualsiasi contenuto televisivo combinando sia la connessione satellitare che quella della rete.

Al momento questo sistema ha numerose modalità d’uso, spesso a volte per fare in modo di non presentare l’utente con costi inaspettati o un consumo della linea non programmato. Ma vi sono due modalità principali nel quale questo sistema funziona:

Modalità On-Demand: si paga un abbonamento che include il servizio SignalSaver. Quando la connessione satellitare cade, viene effettuata la richiesta sul se si vuole usare la connessione ad internet per continuare a vedere il contenuto. Alla conferma, la visione passa direttamente a quella digitale. Quando la connessione satellitare sarà di nuovo disponibile, si otterrà di nuovo una richiesta sul se s’intende passare direttamente alla visione via satellite. In altre versioni, la visione digitale può essere ottenuta solo se la connessione satellitare è assente, e ciò dipende dal tipo d’abbonamento necessario.

Modalità Libera: questa modalità è ancora in sperimentazione e funziona, in larghe linee, come un SignalSaver senza richiesta. Memorizza continuamente una percentuale della trasmissione e non appena la connessione satellitare cade, la TV passa immediatamente a quella digitale senza chiedere nulla. Ovviamente una notifica verrà comunque visualizzata. Nelle giuste condizioni e con una linea sufficientemente potente, il passaggio è particolarmente fluido.

Ecco perciò tutto quello che c’è da dire a proposito del SignalSaver. Si tratta senza dubbio d’una funzione carina da avere, ma non è sempre particolarmente necessaria. Si può dire che è ideale per chi ha numerosi problemi di visione con la connessione satellitare, ma bisognerà anche vedere quando arriverà qui in Italia, sotto che nome…e soprattutto, a che costo! Nulla nega che vi può essere un giorno un servizio satellitare che combina un abbonamento specifico per un servizio che fornisce la visione sia su satellite che anche in digitale (come DAZN) e che può quindi offrire una funzione simile, tramite Sky.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.