Guide e Tutorials INFORMATICA

Come modificare permessi su file e cartelle in Lunux

Il File System che utilizza Linux è molto più avanzato, e allo stesso tempo semplice, di quello utilizzato da altri sistemi, come Windows. Ciò si basa sulla specifica se il proprietario, il gruppo di utenti o chiunque può leggere, scrivere o eseguire il file. Senza dubbio, è un modo molto efficace per tenere sotto controllo ogni utente del sistema, impedendo loro di accedere ai dati di altri senza permesso.

È vero che questo sistema di permessi può sembrare un po ‘complicato. Ma, di seguito, spieghiamo su cosa si basa e come possiamo modificare queste autorizzazioni a nostro piacimento.

Cosa significano i “numeri” o le “lettere” nei permessi di Linux

Le autorizzazioni in Linux possono essere riflesse sia con lettere come con numeri. Entrambi i modi sono corretti e altrettanto funzionali. Tuttavia, le più intuitive sono le lettere, poiché ci permettono di capire meglio di cosa si tratta. I numeri sono più utilizzati dagli utenti avanzati, essendo più veloci da specificare.

Ogni file o cartella che troviamo elencando il contenuto di una directory verrà indicato con un simbolo:

  • – indica che si tratta di un file.
  • d indica che si tratta di una directory.
  • l indica che si tratta di un collegamento (collegamento, ad esempio).

E ogni file o directory porta tre diversi livelli di autorizzazione: uno per il proprietario, uno per gli utenti nello stesso gruppo del proprietario e uno per gli altri utenti. A sua volta, ciascuno di questi livelli può avere 3 valori diversi a seconda del grado di privilegi che specifichiamo nel sistema. Questi valori possono essere specificati dalle seguenti lettere:

  • r – permesso di lettura (consente di aprire, copiare, ecc.).
  • w – permesso di scrittura (permette di modificarlo, cancellarlo, ecc.).
  • x – permesso di esecuzione (se è binario, permette di eseguirlo).

In questo modo, dobbiamo scegliere i permessi (rwx) per ogni livello utente (proprietario, gruppo e altri).

Ad esempio, supponiamo di avere un file sul nostro disco rigido di Linux. Stiamo per configurare che il proprietario abbia il pieno controllo su di esso (rwx), i membri del gruppo di sola lettura (r–) e gli altri utenti non hanno il permesso (-). In tal caso, le autorizzazioni sarebbero le seguenti:

Genere Proprietario Gruppo Altri
Genere- Proprietariorwx Gruppor– Altri—

Come funzionano le autorizzazioni Linux in base ai numeri

Se non ci piacciono le lettere, possiamo anche usare il codice numerico per modificare i permessi di Linux. Questo codice non è altro che il valore del codice binario in base alle autorizzazioni che vengono o non vengono utilizzate. Supponiamo che ciascuno dei permessi occupi una posizione in binario. In questo caso, rwx sarebbe equivalente a 111 binario, che in decimale sarebbe 7. r– sarebbe 100 in binario, o ciò che è lo stesso, 4 in decimale. E – sarebbe 000 in binario, 0 in decimale.

Seguendo queste linee guida, i permessi nell’esempio del caso precedente sarebbero 740. La prima cifra corrisponde al proprietario del file, la seconda al gruppo e la terza a tutti gli altri. I numeri di permessi che possiamo trovare saranno i seguenti:

  • 0 = –
  • 1 = –x
  • 2 = -w-
  • 3 = -wx
  • 4 = r-
  • 5 = rx
  • 6 = rw-
  • 7 = rwx

Alcuni esempi di questo potrebbero essere:

Proprietario Gruppo Altri Risultato
Codice lettera Proprietariorwx Gruppor– Altri— Risultatorwxr —–
Codice numerico Proprietario7 Gruppo4 Altri0 Risultato740
Proprietario Gruppo Altri Risultato
Codice lettera Proprietarior– Gruppo— Altri— Risultator ——–
Codice numerico Proprietario4 Gruppo0 Altri0 Risultato400
Proprietario Gruppo Altri Risultato
Codice lettera Proprietariorx Grupporw- Altri–X Risultator-xrw — x
Codice numerico Proprietario5 Gruppo6 Altriuno Risultato561

Entrambi i sistemi sono altrettanto efficaci e ciascuno ha i suoi vantaggi e svantaggi. Mentre le lettere ci consentono di vedere il livello di autorizzazione in modo più chiaro, i numeri sono molto più semplici, anche se devi pensare un po ‘di più.

Come modificare i permessi in Linux

Per modificare i permessi in Linux è necessario usa il comando “chmod”. Questo comando deve essere accompagnato dal nuovo livello di privilegi che vogliamo dare al nuovo file o directory, così come un “+” se quello che stiamo per fare è dargli quella nuova autorizzazione, o un “-” se cosa che faremo è rimuovere i permessi. Possiamo anche modificare i permessi di “gruppo” e “altri utenti” aggiungendo rispettivamente i parametri “g” e “o”. Il proprietario verrebbe indicato senza questo parametro o con una “u”. E se vogliamo cambiare i permessi a tutti contemporaneamente, possiamo usare il parametro «a».

Partendo da un file “filexyz”, questi sono alcuni esempi per modificare i permessi utilizzando il codice della lettera:

  • chmod + rwx filexyz-> aggiungi i permessi di lettura, scrittura ed esecuzione al proprietario.
  • chmod g + rwx filexyz-> aggiunge i permessi di lettura, scrittura ed esecuzione al gruppo dell’utente proprietario.
  • chmod o + rwx filexyz-> aggiungi permessi di lettura, scrittura ed esecuzione ad altri utenti.
  • chmod -x filexyz-> rimuove il permesso di esecuzione dal proprietario.
  • chmod g-wx filexyz-> rimuove i permessi di scrittura ed esecuzione dal gruppo utenti proprietario.
  • chmod o-rwx filexyz-> rimuove tutti i permessi dagli altri utenti.
  • chmod a + r -> aggiungi il permesso di lettura al proprietario, al gruppo e ad altri utenti.

Possiamo anche utilizzare il codice numerico per modificare il livello di autorizzazione di qualsiasi file come segue:

  • chmod 777 filexyz-> autorizzazione rwx per proprietario, gruppo e altri utenti.
  • chmod 700 filexyz-> autorizzazione rwx per proprietario, gruppo e utenti senza autorizzazione.
  • chmod 327 filexyz- autorizzazione di scrittura ed esecuzione per il proprietario, scrittura per gruppo e rwx per altri utenti.

Per cambiare i privilegi in una directory, i comandi sono gli stessi, con la differenza che al posto del nome del file dovremo specificare la directory in questione.

Modifica il proprietario o il gruppo di un file o di una directory

Oltre a modificare i permessi dei file o delle directory, se abbiamo problemi possiamo anche cambiare il proprietario o il gruppo a cui appartiene qualcuno di essi.

Ad esempio, possiamo cambiare il gruppo di un file (o directory) usando il comando “chgrp nomegruppo file” (cambiando “nomegruppo” con il nome del gruppo che vogliamo aggiungere e “file” con il nome del file o directory che corrisponde).

Possiamo anche cambiare chi possiede qualsiasi file. Per fare ciò, utilizzeremo il comando “chown” seguito dal nome del nuovo proprietario del file e dal nome del file o della directory su cui effettuare la modifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.